Esplora contenuti correlati

Atto n. 571

INTESA SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL MINISTRO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE E IL MINISTRO DELL’INTERNO, PER L’INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DEMOGRAFICHE, I RELATIVI VALORI SOGLIA PROSSIMI AL VALORE MEDIO PER FASCIA DEMOGRAFICA E LE RELATIVE PERCENTUALI MASSIME ANNUALI DI INCREMENTO DEL PERSONALE IN SERVIZIO PER I COMUNI CHE SI COLLOCANO AL DI SOTTO DEL VALORE SOGLIA PROSSIMO AL VALORE MEDIO, NONCHE’ UN VALORE SOGLIA SUPERIORE CUI CONVERGONO I COMUNI CON LA SPESA DI PERSONALE ECCEDENTE LA PREDETTA SOGLIA SUPERIORE.

LA CONFERENZA STATO-CITTÀ ED AUTONOMIE LOCALI

Nella seduta dell’11 dicembre 2019

VISTO l’articolo 33, comma 2 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 del 2019, il quale stabilisce, tra l’altro, che “Con decreto del Ministro della pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro dell'interno, previa intesa in sede di Conferenza Stato-città ed autonomie locali, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono individuate le fasce demografiche, i relativi valori soglia prossimi al valore medio per fascia demografica e le relative percentuali massime annuali di incremento del personale in servizio per i comuni che si collocano al di sotto del predetto valore soglia.  I predetti parametri possono essere aggiornati con le modalità di cui al secondo periodo ogni cinque anni. I comuni in cui il rapporto fra la spesa di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico dell'amministrazione, e la media delle predette ed entrate correnti relative agli ultimi tre rendiconti approvati risulta superiore al valore soglia di cui al primo periodo adottano un percorso di graduale riduzione annuale del suddetto rapporto fino al conseguimento nell'anno 2025 del predetto valore soglia anche applicando un turn over inferiore al 100 per cento. A decorrere dal 2025 i comuni che registrano un rapporto superiore al valore soglia applicano un turn over pari al 30 per cento fino al conseguimento del predetto valore soglia”;

CONSIDERATO che nelle riunioni tecniche del 17 maggio, 10, 18, 22 e 29 luglio e del 22 novembre 2019, è stata svolta l’istruttoria tecnica per la definizione dello schema di decreto che è parte integrante dell’intesa da sottoporre alla deliberazione della Conferenza;

CONSIDERATO che l’ANCI ha richiesto, tra l’altro, la previsione di una “doppia soglia”, e che in fase di prima applicazione del decreto debba essere garantita ai comuni di piccole dimensioni, collocati sotto la prima soglia, abilitante all’effettuazione di nuove assunzioni, l’assunzione di almeno una unità di personale;

RILEVATO che l’articolo 33, comma 2 del decreto-legge n. 34/2019 non prevede espressamente la possibilità di inserire una doppia soglia e la garanzia ai comuni di piccole dimensioni sotto la prima soglia di assumere almeno una unità di personale;

CONSIDERATO che, al fine di rendere coerente il decreto attuativo della predetta norma con le esigenze esposte dall’ANCI, il Governo ha presentato un emendamento al disegno di legge recante “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022”, che prevede le seguenti modifiche al comma 2, dell’articolo 33, del decreto-legge n. 34/2019:

  1. al secondo periodo sostituire le parole “predetto valore soglia” con le parole “valore soglia prossimo al valore medio, nonché un valore soglia superiore cui convergono i comuni con una spesa di personale eccedente la predetta soglia superiore. I comuni che registrano un rapporto compreso tra i due predetti valori soglia non possono incrementare la spesa di personale registrata nell’ultimo rendiconto della gestione approvato. I comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti che si collocano al di sotto del valore soglia di cui al primo periodo, che fanno parte delle “Unioni dei comuni” ai sensi dell’art. 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, al solo fine di consentire l’assunzione di almeno una unità possono incrementare la spesa di personale a tempo indeterminato oltre la predetta soglia di un valore non superiore a quello stabilito con decreto di cui al secondo periodo, collocando tali unità in comando presso le corrispondenti Unioni con oneri a carico delle medesime in deroga alle vigenti disposizioni in materia di contenimento della spesa di personale.”;
  2. al sesto periodo sostituire le parole “di cui al primo periodo” con la parola “superiore”;
  3. al settimo periodo dopo le parole “al valore soglia” aggiungere la parola “superiore”;

TENUTO CONTO che l’ANCI ha espresso assenso tecnico sullo schema di decreto del Ministro della pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro dell'interno, redatto sulla base del testo dell’articolo 33, comma 2 del decreto-legge n. 34/2019, come riformulato dal citato emendamento in corso di approvazione;

TENUTO CONTO che il predetto schema di decreto potrà essere adottato solo a seguito dell’approvazione della legge di bilancio per l’anno 2020 contenente la nuova formulazione dell’art. 33 del decreto-legge n. 34 del 2019;

RILEVATO che nell'odierna seduta della Conferenza Stato-città ed autonomie locali, le Autonomie locali hanno espresso parere favorevole all’intesa;

SANCISCE L'INTESA

ai sensi dell’articolo 33, comma 2 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 del 2019, nella formulazione comprendente le modifiche esposte in premessa, contenute nel disegno di legge recante “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022”, sullo schema di decreto del Ministro della pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro dell'interno, con il quale sono individuate le fasce demografiche, i relativi valori soglia prossimi al valore medio per fascia demografica e le relative percentuali massime annuali di incremento del personale in servizio per i comuni che si collocano al di sotto del valore soglia prossimo al valore medio, nonché un valore soglia superiore cui convergono i comuni con la spesa di personale eccedente la predetta soglia superiore.

             

Il Segretario  

Marcella Castronovo                                                  

Il Ministro dell’Interno                                 

Luciana Lamorgese

Per saperne di più

Torna all'inizio del contenuto